Basta messaggi vocali lunghi!

Ti mando un vocale di 10 minuti.
Come rispondere a un messaggio vocale troppo lungo?

I Thegiornalisti, come tutti gli artisti, fotografano la realtà e la rendono fruibile per tutti.
Se utilizzate Whatsapp sapete che intendo. Da qualche tempo, quasi tutti ci siamo ritrovati a vedere apparire nella messaggistica istantanea un messaggio vocale di lunghezza improbabile.

Come rispondere a un messaggio vocale troppo lungo?

Vada per gli innamorati, loro hanno la licenza di qualsiasi cosa perché vivono atemporalmente…
Per chi però vive immerso nei frenetici ritmi di vita professionale e personale quotidiana, leggere la durata di un messaggio vocale, superiore a una decina di secondi, può lasciare un senso di oppressione.

Perché ascoltare un vocale lungo?

Non ascoltarlo potrebbe sembrare scortesia, altresì ascoltarlo potrebbe altrettanto dare la percezione di furto di tempo o comunque di una costrizione, soprattutto se non siamo interessati alla conversazione o sappiamo che l’interlocutore ha tendenze di loquacità.
Dal punto di vista di studioso della comunicazione, leggi chi sono, posso affermare che la comunicazione di un messaggio vocale è completamente diversa da una normale telefonata, tanto per rimanere “dentro” a un cellulare.

Se cambia la modalità di comunicazione, può essere influenzata anche la qualità della medesima!

Le conversazioni tramite telefono trasformano la qualità del contenuto .Questo è un mio video a riguardo della comunicazione nelle chat.

Sapete cosa mi ricorda il messaggio vocale? I walkie talkie, ve li ricordate? Potevi solo parlare o ascoltare. La stessa cosa del “baracchino” il ricetrasmettitore C.B. (Citizen Band).
Da ragazzo ero radioamatore.

Prendiamo ad esempio una conversazione con contenuti importanti, sentimenti, affari, logistica, ecc.
Quali sarebbero le differenze se ne discutessimo di persona a quattro occhi, telefonicamente o con i walkie talkie?
La risposta è: SOSTANZIALE. È una comunicazione disfunzionale.
Da ricordare inoltre che questi strumenti “ascolta o parla” erano per uso militare: ascolta/ubbidisci.
La prossima volta che vi ritrovate a scrivere o a ricevere un messaggio vocale, provate a riflettere anche su quanto avete ora letto e comparatelo con il vostro stato d’animo.

Messaggi per lavoro, amicizia e amore.
Come Life Coach mi ritrovo spesso ad aiutare, a interpretare, scrivere o rispondere email e messaggi di tutti i generi: d’affari, relazionali, sentimentali.

La prima cosa che dico è: non trattate MAI di contenuti importanti utilizzando messaggistica istantanea

Quante volte vi siete pentiti di aver scritto o detto, nel caso dei messaggi vocali?
Certo, da un po’ di tempo c’è l’opzione per poter cancellare il messaggio, ma solo prima che l’altro lo abbia letto e… lasciando comunque una “traccia”: la cancellazione.

Ti mando un vocale di 10 minuti - Paolo Abozzi Mental Coach

Anche in questo caso, entratevi dentro e cercate di ricordare le sensazioni che avete provato quando avete visto uno o più messaggi cancellati…
Come vedete, questo genere di comunicazione è falsato, innaturale e pericoloso se non si limita.

Ultima ma forse più importante riflessione

Quando registrate un messaggio vocale, il contenuto delle parole è spesso il meno importante. Quando l’interlocutore ascolta la vostra voce, riceve una mole incredibile di informazioni su di voi e sul vostro stato d’animo. La cosiddetta comunicazione non verbale.
Dopo tanti anni di studio in questo campo, a me risulta facile cogliere sfumature di incongruenze tra ciò che le persone dicono e ciò che pensano ma queste informazioni emozionali vengono percepite dall’inconscio dell’interlocutore e comunque mettete a nudo le vostre emozioni, eventuali insicurezze e intenzioni profonde.

In conclusione ecco 6 consigli per un messaggio vocale efficace

1) Prima di registrare il messaggio, avere in mente i punti fondamentali da comunicare.
2) Pensare in che situazione l’altro potrebbe ricevere il messaggio: sta lavorando? Potrebbe avere problemi ad ascoltarlo? Ha ritmi di vita molto sostenuti?
3) Brevità: condensate il messaggio in massimo 10/15 secondi.
4) Non fate eccessive pause riflessive.
5) Rimanete nel tema dell’intenzione del messaggio senza fare giri di parole o inserire altri argomenti.
6) Non trattate di contenuti importanti.

Invia questo articolo a chi ti manda messaggi vocali troppo lunghi!

Se hai qualche domanda, contattami!

Condividi questo articolo con chi pensi abbia bisogno di uno stimolo, fai conoscere questo blog ai curiosi della vita, a chi non si accontenta di essere vissuto ma vuole vivere in prima persona.

Trasformazione.it è il blog del tuo cambiamento!

Paolo Abozzi

Contact PersonScrivimi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.